Requisiti per l’ingresso in Spagna di cittadini di paesi terzi provenienti da paesi extra UE/no Schengen

1. Se viaggi in Spagna via aria (ad eccezione dei minori di 12 anni e dei passeggeri in transito internazionale) devi essere in possesso di uno dei seguenti certificati:

 

a) Certificato di vaccinazione: attestante il completamento di un protocollo di vaccinazione contro il COVID 19 in corso di validità.

 

b) Certificato di test diagnostico: attestante l’esecuzione di un test diagnostico con esito negativo.

 

c) Certificato di guarigione: attestante che, a seguito di test diagnostico con esito positivo, sei guarito dall’infezione di SARS-CoV-2.

 

Se sei in possesso di certificato digitale COVID dell’Unione Europea o equivalente, non ti verrà richiesto alcun documento aggiuntivo.

 

Anche se viaggi in Spagna per via marittima dovrai (a partire dai 12 anni) essere in possesso di uno dei certificati sanitari richiesti (vaccinazione, test diagnostico o guarigione), che sia un certificato COVID digitale dell’UE equivalente o di altro tipo, senza necessità di compilare un formulario di controllo sanitario.

 

Possono entrare in Spagna senza dover presentare alcun tipo di certificato Covid:

a) Residenti abituali nell’Unione Europea, Stati associati a Schengen, Andorra, Monaco, Vaticano (Santa Sede) o San Marino che si recano nel paese potendo fornire documenti accreditativi.

b) Titolari di un visto di lunga durata rilasciato da uno Stato membro o Stato associato a Schengen che si recano in quel paese.

c) Operatori sanitari, compresi i ricercatori sanitari, come pure i professionisti dell’assistenza ad anziani che si recano o che ritornano dall’esercizio della loro attività lavorativa.

d) Personale del trasporto terrestre, marittimo e aeronautico necessario per lo svolgimento delle attività di trasporto aereo.

  1. e) Personale diplomatico, consolare, di organizzazioni internazionali, militari, della protezione civile e membri di organizzazioni umanitarie, nell’esercizio delle loro funzioni.

f) Studenti che svolgono i loro studi negli Stati membri o negli Stati associati a Schengen, provvisti di permesso o visto e di assicurazione medica, a condizione che si rechino nel paese in cui studiano e che l’ingresso avvenga nel corso dell’anno accademico o nei 15 giorni precedenti.

g) Lavoratori altamente qualificati il cui lavoro è necessario e non può essere rinviato o svolto a distanza, compresi i partecipanti a eventi sportivi di alto livello che si svolgono in Spagna. In questi casi dovranno essere forniti documenti giustificativi.

h) Persone che viaggiano per motivi familiari inderogabili adeguatamente documentati.

i) Persone che presentino documenti attestanti cause di forza maggiore o stato di necessità o il cui ingresso sia consentito per motivi umanitari.

j) Ci sono paesi terzi i cui residenti non sono soggetti alla limitazione temporanea ai soli viaggi essenziali per l’Unione Europea e i paesi dell’area Schengen. Potrai trovarne l’elenco nell’allegato a questa Ordinanza.

 

2. Requisiti dei certificati:

 

Qualora si disponga di un certificato di vaccinazione, questo deve essere stato rilasciato dalle autorità competenti del paese di origine entro 14 giorni dalla data di somministrazione dell’ultima dose del programma vaccinale completo (prima vaccinazione), a condizione che non siano trascorsi più di 270 giorni dalla data di somministrazione dell’ultima dose di detto programma. A partire da quel momento, il certificato dovrà riportare la somministrazione di una dose di richiamo o booster. Occorre tener presente che l’obbligo di aver ricevuto la dose di rinforzo e la scadenza dei 270 giorni non si applicano ai minori di età compresa tra i 12 e i 17 anni inclusi. Pertanto, se hai più di 12 e meno di 18 anni, sarai considerato vaccinato nonostante siano trascorsi 270 giorni dall’ultima dose e tu non abbia ricevuto la dose di rinforzo.

Puoi verificare i vaccini attualmente autorizzati dall’Agenzia Europea del Farmaco o dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il programma di vaccinazione completo è quello previsto dal Piano strategico di vaccinazione contro il COVID-19 in Spagna.

 

Il certificato di vaccinazione deve contenere almeno le seguenti informazioni:

– Nome e cognome del titolare

– Data di vaccinazione, laddove la data è quella di somministrazione dell’ultima dose

– Tipo o tipi di vaccino somministrato

– Numero di dosi somministrate/ciclo di vaccinazione completo

– Paese di emissione

– Identificazione dell’ente di rilascio del certificato di vaccinazione.

 

Qualora si disponga di un certificato di avvenuta guarigione, questo dovrà essere stato rilasciato dall’autorità competente o da un servizio medico almeno 11 giorni dopo l’esecuzione del primo test diagnostico di tipo NAAT (PCR, TMA, LAMP e simili) o di test rapido per la rilevazione dell’antigene con esito positivo. Il certificato avrà la validità di 180 giorni a partire dalla data del primo risultato positivo del test diagnostico.

I test per il rilevamento dell’antigene dovranno essere quelli compresi nell’elenco approvato dal Comitato per la Sicurezza Sanitaria dell’Unione Europea e dovranno essere eseguiti da personale qualificato.

 

Il certificato di avvenuta guarigione deve contenere almeno le seguenti informazioni:

– Nome e cognome del titolare

– Data del primo risultato positivo del test diagnostico per SARS-CoV-2

– Tipo di test effettuato.

– Paese di emissione

 

Se si presenta un certificato di test diagnostico, occorre tener presente che i test accettati in Spagna sono:

a) Prove di amplificazione dell’acido nucleico molecolare (NAAT), il cui campione sia stato prelevato entro le 7 ore prima della partenza.
b) Test di rilevamento dell’antigene incluso nell’elenco comune dei test di rilevamento rapido dell’antigene per il COVID-19, approvato dal Comitato per la Sicurezza Sanitaria dell’Unione Europea, il cui campione è stato prelevato entro le 24 ore precedenti la partenza.

 

Si ricorda che i certificati COVID-19 di vaccinazione, test diagnostici o guarigione emessi dai Paesi con cui l’UE ha stabilito un’equivalenza avranno lo stesso valore di un certificato COVID digitale dell’UE. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web dell’Unione Europea (UE).

I minori di 12 anni non hanno l’obbligo di presentare nessuno di questi certificati.

 

3. Presso i punti di ingresso in Spagna non vengono più effettuati controlli sanitari per il Covid-19.

 

4. Sulla pagina di inizio puoi prendere visione degli aspetti particolari delle norme di ciascun paese e le possibili deroghe in base alla provenienza e alla nazionalità.