desde que paises puedo viajar a españa

Requisiti di ingresso in Spagna se provieni da un paese UE/SEE

1. Indipendentemente dal paese di provenienza, tutti i passeggeri che arrivano in Spagna per via aerea o marittima (traghetti), inclusi i passeggeri in transito e i minori di 12 anni, dovranno compilare prima della partenza un modulo di controllo sanitario. Se arrivi in aereo, lo puoi fare attraverso il sito https://www.spth.gob.es/ o l’app Spain Travel Health per dispositivi Android iOs. Se arrivi in traghetto, devi compilarlo tramite il seguente link: https://spthm.puertos.es/ .

Una volta compilato, riceverai un codice QR che dovrai presentare sia al momento dell’imbarco sia all’arrivo in Spagna.

2. Dovrai consultare la LISTA DI PAESI DELL’UNIONE EUROPEA/SPAZIO ECONOMICO EUROPEO e la LISTA DI PAESI TERZI che pubblica e aggiorna il Ministero della Sanità per verificare:

2.1 Se provieni dalle zone dell’UE/SEE non incluse come a rischio nella suddetta lista, non ti verrà richiesta nessuna prova diagnostica, né certificato di vaccinazione o immunità.

2.2. Se sei cittadino dell’UE e provieni da un paese/zona a rischio dovrai disporre del Certificato Digitale COVID dell’UE, che si dovrà caricare sull’app SpTH quando si compila il modulo. Il certificato attesta una delle seguenti tre situazioni:

a) Sei stato vaccinato contro il COVID-19. Il certificato di vaccinazione dovrà essere rilasciato dalle autorità competenti del Paese d’origine a partire dai 14 giorni successivi alla data di somministrazione dell’ultima dose del ciclo di vaccinazione completo (vaccinazione primaria), a condizione che non siano trascorsi più di 270 giorni dalla data di somministrazione dell’ultima dose di tale ciclo. A partire da quel momento, il certificato dovrà riportare la somministrazione di una dose di rinforzo o booster (dal 1° febbraio 2022).

I cicli di vaccinazione completi (vaccinazione primaria) sono quelli stabiliti nel Piano strategico di vaccinazione contro il COVID-19 in Spagna.

.

b) Se hai realizzato un test il cui risultato è negativo. Il certificato diagnostico deve essere un test PCR negativo o un test simile (tipo NAAT) il cui campione è stato ottenuto entro 72 ore prima dell’arrivo in Spagna, o un test antigenico negativo incluso nella lista comune della Commissione Europea, il cui campione è stato ottenuto entro 48 ore prima dell’arrivo in Spagna.

c) Sei guarito dal COVID-19. Il certificato di guarigione deve essere rilasciato dall’autorità competente o da un servizio medico almeno 11 giorni dopo il primo test diagnostico di tipo NAAT (PCR, TMA, LAMP e simili) con un risultato positivo. Il certificato sarà valido per 180 giorni a partire dalla data di esecuzione del test.

Con il Certificato Digitale COVID dell’UE otterrai un QR FAST CONTROL, che accelererà le formalità all’arrivo in Spagna, evitando tempi di attesa e controlli aggiuntivi.

I minori di età compresa tra 12 e 18 anni a cui è stata somministrata una sola dose del vaccino possono viaggiare in Spagna con un certificato di NAAT/test antigenico. I bambini di età inferiore ai 12 anni non hanno l’obbligo di presentare tali certificati.

Ottieni ulteriori informazioni sul Certificato Digitale COVID dell’UE.

Se non hai un Certificato Digitale COVID dell’EU o non puoi caricarlo su SpTH, dovrai inserire manualmente i dettagli del certificato di cui disponi. In questo caso, il tempo necessario per passare attraverso il controllo sanitario sarà maggiore, poiché ciò comporta l’eventuale revisione del tuo certificato da parte del personale di controllo.

 

3. Se arrivi per via aerea o marittima, sarà effettuato un controllo sanitario nel punto di ingresso in territorio spagnolo che consiste, almeno, nella misurazione della temperatura, in un controllo dei documenti e in un controllo visivo del tuo stato di salute.

Se esiste il sospetto che tu sia affetto da COVID-19 o da un’altra patologia che comporti un rischio per la salute pubblica, sarai sottoposto a una valutazione medica e possibilmente a un test diagnostico di infezione attiva (un test PCR/TMA/RT-LAMP). Inoltre, il personale dei servizi sanitari esteri può chiederti di effettuare un test diagnostico se provieni da un paese a rischio. Eccezionalmente, a determinati passeggeri può essere richiesto di sottoporsi a un test nelle 48 ore successive al loro arrivo in Spagna.

Se provieni da un Paese o una zona ad alto rischio (consulta la lista in vigore qui), considerandosi come tali quelli in cui sia stato rilevato un peggioramento importante della situazione epidemiologica o quelli in cui siano state rilevate varianti particolarmente preoccupanti, dovrai presentare contemporaneamente un certificato di vaccinazione o di guarigione e un certificato di test diagnostico di infezione attiva COVID-19 con esito negativo.

Se ti trovi in transito e il transito viene effettuato senza uscire dalla zona internazionale, non passerai attraverso controlli sanitari e pertanto, sebbene tu provenga da un paese a rischio, non ti verrà richiesta la presentazione del certificato COVID digitale dell’UE, anche se dovrai ottenere un codice QR TRANSIT, compilando il modulo di controllo sanitario (FCS) mediante il sito Spain Travel Healt. Se, invece, attraversi i posti di controllo frontalieri entrando in territorio spagnolo, dovrai presentare la carta d’imbarco o il biglietto di acquisto del successivo o dei successivi voli di coincidenza, per dimostrare che la tua destinazione finale è internazionale e poter continuare il viaggio, purché il transito abbia una durata inferiore a 24 ore e si rimanga nell’area aeroportuale.

Ulteriori informazioni riguardo i controlli igienico-sanitari e i casi in cui è necessario sottoporsi a quarantena.

 

Per sapere quali sono gli aspetti più importanti delle normative stabilite da ciascun Paese e le relative eccezioni consulta la mappa presente nella home page.